Ti trovi qui:Home»Stato Civile»Nascita

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo

Nascita

denuncia di nascita

 

Cosa è, a cosa serve
La denuncia di nascita deve essere fatta alla nascita di un bambino.

Come ottenerla
La denuncia di nascita può essere fatta:
- da uno dei genitori
- da un procuratore speciale
- dal medico, dall'ostetrica o da altra persona che ha assistito al parto
- entro 3 giorni dal parto presso la Direzione Sanitaria del Centro di Nascita
- La denuncia di nascita può, altresì, essere resa solo da uno dei genitori, entro 10 giorni dalla nascita, presso l'Ufficio di Stato Civile del proprio Comune di residenza.

In ogni caso deve essere prodotta la seguente documentazione:

- attestazione di nascita rilasciata dal personale medico che ha assistito al parto;
- oppure constatazione di avvenuto parto rilasciata dal sanitario che non ha assistito al parto direttamente ma è intervenuto successivamente;
- in assenza dei suddetti documenti la dichiarazione sostitutiva del dichiarante, resa ai sensi dell'art.47 del D.P.R. 445/2000;
- documento di riconoscimento del dichiarante (per i cittadini stranieri, il passaporto)
- nel caso di dichiarazione resa fuori dal Comune di residenza: stato di famiglia dei genitori o equivalente autocertificazione.

ATTENZIONE: nel caso in cui i genitori non siano coniugati ed intendano riconoscere entrambi il bambino, è necessario che si presentino a rendere la dichiarazione di nascita tutti e due, muniti di documento di riconoscimento (per gli stranieri, il passaporto)

riconoscimento di paternità e maternità

 

Cosa è, a cosa serve
Il riconoscimento di paternità o maternità è l'atto con cui si riconoscono figli naturali, cioè nati da genitori non coniugati.

Come ottenerlo
Il riconoscimento può essere effettuato da persona che abbia compiuto il 16° anno di età:
- nell'atto di nascita (vedi scheda)
- con atto notarile
- in un testamento
- con una dichiarazione resa dinanzi al giudice tutelare
- con dichiarazione resa all'Ufficiale dello Stato Civile.

In quest'ultimo caso, è necessario che al riconoscimento procedano entrambi i genitori contestualmente o che il genitore che ha già riconosciuto il figlio, se il figlio ha meno di sedici anni.
Se il figlio ha più di sedici anni, il riconoscimento non ha effetto se egli stesso non dà il proprio assenso.

Sono necessari i seguenti documenti:
- documento di identità di tutti coloro che partecipano al riconoscimento
- copia integrale dell'atto di nascita della persona da riconoscere, se l'atto non è stato redatto nello stesso Comune (la copia sarà acquisita d¿ufficio a richiesta degli interessati)
- certificazione di esistenza in vita della persona da riconoscere o equivalente autocertificazione, se detta persona non è presente e non è residente nel Comune in cui viene effettuato il riconoscimento

Dove ottenerla
Ufficio Stato Civile

Quando ottenerla
In orario di ufficio