Ti trovi qui:Home»Aree Tematiche»Comunicati»“Tari ridotta alle attività chiuse dal CoVid esonero dal pagamento dei servizi scolastici sospesi, e aiuti alle famiglie in difficoltà, grazie ad un bilancio solido”

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 31 Luglio 2020 16:44

“Tari ridotta alle attività chiuse dal CoVid esonero dal pagamento dei servizi scolastici sospesi, e aiuti alle famiglie in difficoltà, grazie ad un bilancio solido”

Approvato dal consiglio comunale il bilancio consuntivo 2019 con i voti favorevoli del gruppo di maggioranza

 

Il bilancio 2019 del Comune di Monteroni d'Arbia conferma la solidità economica e finanziaria dell'amministrazione della Giunta Berni, in grado di sostenere investimenti importanti su tutto il territorio e l'attenzione ai cittadini ed alle famiglie in maggiore difficoltà.

“Tutto questo – spiega il sindaco – è frutto di una gestione attenta e prudente che ha consentito di rispettare gli obiettivi della finanza pubblica e contemporaneamente fare importanti investimenti nel nostro territorio, ne sono un esempio evidente quelli in corso sul marciapiede della zona artigianale sud e quello per la nuova scuola dell'infanzia di Ponte a Tressa oltre a quelli appena conclusi sulla palestra delle scuole medie e la scuola dell'infanzia di Monteroni, tutti quelli realizzati negli anni precedenti e quelli già finanziati e pronti ad iniziare come la riqualificazione della piazzetta dei Caduti sul Lavoro ex piazzetta del Re”.

Il consiglio comunale di Monteroni d'Arbia infatti ha approvato il bilancio consuntivo del Comune e la prima manovra di assestamento che tiene in considerazione gli effetti dello stato di emergenza generato dalla pandemia CoViD-19.

“In questo senso – continua il sindaco Berni - il comune continua a fare la sua parte per andare incontro alle esigenze delle nostre famiglie e del nostro tessuto produttivo, per questo motivo è prevista una riduzione della Tari per le attività produttive che sono state chiuse per decreto” “Nonostante le difficoltà economiche e finanziarie che riguardano anche i nostri bilanci grazie ai contributi del Governo, della Regione ed alla gestione attenta delle risorse comunali siamo nelle condizioni di continuare a dare dei segnali importanti ai nostri cittadini nonostante le mancate entrate nelle casse del Comune e le maggiori spese sostenute per fronteggiare l’emergenza”

La riduzione approvata dal consiglio comunale incide per il 20% della parte fissa della Tari e per il 25% della parte variabile che equivale a più del 60% circa della parte variabile ovvero quella legata alla produzione dei rifiuti da parte delle attività produttive.

“Oltre a questo abbiamo incrementato il fondo per le riduzioni della Tari alle utenze domestiche – continua il sindaco – che in base all'Isee hanno difficoltà economiche. Per queste famiglie poi abbiamo stanziato dei fondi aggiuntivi comunali sul bando ordinario per il contributo di sostegno agli affitti. Abbiamo poi confermato anche la riduzione della Tari per le attività commerciali di nuova apertura”.

“In bilancio poi ci sono fondi stanziati, anche grazie a dei contributi statali, per la riapertura delle scuole per il prossimo anno scolastico, come anche – continua Berni - i fondi messi a disposizione per sostenere le famiglie nella partecipazione ai centri estivi 0/3 anni e quelli 3/17 anni. Abbiamo inoltre considerato nella manovra la spesa sostenuta grazie ai fondi statali ed alle donazioni oltre che alle risorse impiegate per l’organizzazione del servizio che ha visto C l'erogazione dei buoni alimentari, dei servizi della spesa a domicilio e dei pasti a domicilio oltre a tutti gli altri servizi essenziali garantiti attraverso delle procedure straordinarie volte a garantire la sicurezza dei cittadini e pertanto i maggiori costi per gli interventi di sanificazione e predisposizione dei protocolli per la sicurezza”.

“Voglio anche ricordare – conclude il Sindaco Berni – che è stata fatta una rinegoziazione dei mutui che ha permesso di liberare un ulteriore spazio finanziario e che grazie alla gestione attenta delle risorse ed alla capacità di programmazione abbiamo potuto bloccare l’emissione di tutte le richieste di pagamento nei confronti dei nostri cittadini e delle imprese del territorio, per il periodo di chiusura delle attività al fine di aiutare il mantenimento per quello che possibile della liquidità. Fatturazioni che adesso riprenderanno e che terranno in considerazione le riduzioni previste con questa prima manovra”.

Condividi