Ti trovi qui:Home»Aree Tematiche»Comunicati»Recupero degli edifici esistenti: Un futuro sostenibile per la Tabaccaia di Monteroni

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Venerdì, 31 Luglio 2020 10:21

Recupero degli edifici esistenti: Un futuro sostenibile per la Tabaccaia di Monteroni

Concluso dal consiglio comunale l’iter della variante che riguarda gli spazi architettonici dell'ex tabaccaia

 

La Tabaccaia del centro di Monteroni d'Arbia si apre verso un nuovo futuro. Il consiglio comunale infatti ha concluso l’iter della variante urbanistica per l'area del grande complesso architettonico, oramai dismesso dal 2005, e con questa gran parte dei servizi del centro abitato di Monteroni d'Arbia.

“La variante urbanistica approvata mette nelle condizioni di avviare il recupero dell’area della Tabaccaia. Recupero che ovviamente dovrà essere portato avanti dalla proprietà. L’amministrazione con questo importante passaggio – spiega il sindaco Gabriele Berni – apre la possibilità, definendone il perimetro e gli obiettivi, all’iniziativa privata di procedere alla riprogettazione totale di questi spazi ed al loro utilizzo. Abbiamo fatto un lavoro importante ed approvato un atto indispensabile per recuperare un'area strategica del centro del paese oggi in stato di abbandono, ma importante dal punto di vista delle volumetrie e della tipologia architettonica che rappresenta. Poco più di un anno fa abbiamo delineato uno sviluppo che non è più produttivo ma legato ai servizi universitari attraverso un protocollo firmato con l'Università di Siena e con l'Università per Stranieri di Siena e Regione Toscana al fine di trasformare lo spazio in un vero e proprio campus universitario. L’obiettivo è quello di portare nuova linfa nel centro di Monteroni, recuperando un ambiente bellissimo e carico di storia che potrà dare l'impulso alla nascita o alla crescita di altri servizi utili a tutta la cittadinanza”

“Come abbiamo detto – continua Berni - dal momento del nostro insediamento era nostro obiettivo prioritario recuperare gli edifici esistenti e rivedere la programmazione urbanistica al fine di ridurre il nuovo utilizzo di suolo. Va in questa direzione il lavoro svolto per completare l’iter della variante che riguarda l’area della Tabaccaia. Come Amministrazione Comunale abbiamo costruito le condizioni affinché l’area della tabaccaia da un problema si trasformi in una importante opportunità. Adesso non possiamo che augurarci che la proprietà raccolga questa opportunità e si adoperi per realizzare l’intervento di recupero che potrebbe rappresentare un pilastro importante dello sviluppo del futuro di Monteroni”.

Nel documento si prevede la creazione nello spazio dell'ex Tabaccaia di forme di accoglienza a studiosi e studenti stranieri oltre che toscani e italiani fuori sede, per esperienze educative, didattiche o di ricerca nel sistema universitario e formativo toscano e di specializzazione scientifica e professionale, da realizzare secondo gli standard internazionali più elevati. Inoltre un polo scientifico di questo natura sorgerebbe accanto alla rete ferroviaria e questo faciliterebbe i collegamenti con Siena e con le sedi universitarie di riferimento, ma permetterebbe anche di implementare le corse ed i collegamenti per tutta la cittadinanza e quindi rivitalizzare una linea ferroviaria che oggi attraversa non poche difficoltà.

Condividi