Ti trovi qui:Home»Aree Tematiche»Comunicati»Il Comune adotta il manifesto della comunicazione non ostile dedicandolo a Liliana Segre

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Mercoledì, 11 Dicembre 2019 09:55

Il Comune adotta il manifesto della comunicazione non ostile dedicandolo a Liliana Segre

Approvate ad unanimità due mozioni dal consiglio comunale di Monteroni d'Arbia. Femminicidio ed odio in rete i temi

 

“Contro la violenza, sempre e sotto qualunque forma questa si presenti. Contro la violenza verbale e contro la violenza degli uomini sulle donne: sono questi i temi delle due mozioni che abbiamo approvato ad unanimità nel Consiglio comunale di ieri, 10 dicembre”.

Interviene così il sindaco di Monteroni d'Arbia Gabriele Berni dopo che maggioranza e minoranza del consiglio comunale hanno approvato due mozioni presentate dal gruppo di opposizione e con delle integrazioni proposte dal gruppo di maggioranza. La prima mozione approvata è dedicata all'istituzione della cosiddetta panchina rossa volta a sensibilizzare sul tema del femminicidio, la panchina dovrà essere installata in una zona di alta frequentazione così da essere facilmente visibile. L'altra mozione riguarda invece l'adozione del manifesto della comunicazione non ostile.

“Un'amministrazione pubblica, ed in generale una comunità unita e solidale come la nostra – continua il sindaco Berni – non può cedere di fronte al rischio di violenza verbale e soprattutto della diffusione di odio in rete: ci impegneremo dunque a diffondere i dieci punti del manifesto per combattere il linguaggio d'odio ed arginare anche il cyberbullismo. Il consiglio ha poi deciso di dedicare questo atto alla senatrice Liliana Segre”.

Fondamentale poi il voto della maggioranza anche per l'approvazione della mozione riguardante il femminicidio. L'amministrazione ha deciso di installare una panchina rossa, come in molte altre città di tutto il mondo, volta a sensibilizzare sul tema della violenza maschile contro le donne combattendo, con questo ed altri atti simbolici e meno, la persistenza della cultura sessista e misogina nei diversi livelli della nostra società.

Condividi