Ti trovi qui:Home»Aree Tematiche»Comunicati»Sono tredici le imprese che otterranno il contributo del Comune di Monteroni d'Arbia

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.

Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Se vuoi proseguire accetta i cookie. Per saperne di piu'

Approvo
Lunedì, 08 Aprile 2019 14:50

Sono tredici le imprese che otterranno il contributo del Comune di Monteroni d'Arbia

Continuano gli incentivi alle attività produttive e commerciali. Ecco i risultati del bando che prevede finanziamenti a fondo perduto per opere di miglioramento o crescita
Tredici domande con esito positivo da parte delle imprese del territorio al Comune di Monteroni d'Arbia. Questa è stata la risposta al bando che, come ogni anno, il Comune ha pubblicato per richiedere contributi ed incentivi volti allo sviluppo economico del sistema ed al miglioramento e crescita dello stato attuale delle attività produttive.

“Anche per questo ultimo anno di amministrazione, come abbiamo fatto dal primo momento, abbiamo investito per dare un aiuto concreto e trasparente alla rete commerciale e alle imprese del territorio – spiega il sindaco Gabriele Berni –  La novità di quest'anno erano gli incentivi anche per l'installazione di circuiti di videosorveglianza che si integrino alla rete pubblica che abbiamo installato lo scorso anno e su questa linea abbiamo ricevuto una domanda di contributo che abbiamo finanziato”.

In totale quindi le domande di contributo arrivate all'amministrazione comunale a fine 2018 sono state 13 e tutte hanno avuto riscontro positivo. Tra le domande due riguardavano l'apertura di nuove imprese, una l'installazione della videosorveglianza integrata ed il resto l'adeguamento ed il miglioramento dei locali.
Il bando infatti è rivolto alle attività esercitate in sede fissa con sede nel comune di Monteroni d’Arbia, intese come attività commerciali alimentari e non alimentari; gli esercizi di somministrazione alimenti e bevande; le attività artigianali; le attività turistico – ricettive; i produttori agricoli; le attività di servizio e le attività industriali.

“La necessità che vediamo per lo sviluppo del nostro territorio è quella di attirare nuovi investimenti. Questo non si può fare soltanto con una politica di incentivi, ma senza dubbio è un passo importante – spiega Berni - Un’idea imprenditoriale forte può trovare da noi un contributi di start up tramite il primo livello di incentivo approvato e potrà contare negli anni successivi in ulteriori investimenti. Chiaro che poi ci sarà bisogno che anche le altre istituzioni facciano la loro parte, a cominciare dalle infrastrutture e dalle strade”.

Condividi